Il silenzio della Muñe. Una pagina di Yuri Herrera.

Pag. 89A

La trasmigrazione dei corpi

http://michepassa52.wordpress.com/2014/10/26/la-mune-per-yuri-herrera-19-10-2014/

Annunci

L’oro in bocca: l’estate del silenzio e l’inverno dell’afasia. D’Annunzio e Kubrik.

Il silenzio è biologico, naturale. L’afasia è psicologica, umana.

La luce degli elementi naturali genera l’ebbrezza della parola poetica, l’oro liquido della gioia: la raccolta poetica ALCYONE, di Gabriele D’Annunzio.

 

La “luccicanza” di una mente stranita, alienata, è sprigionata dal cuore nero e ammutolito che non sa più parlare, articolare, giocare alla vita: il film SHINING, di Stanley Kubrik.

Due pagine da ERA NOTTE A SUD, di Vittorino Curci.

http://lucianopagano.wordpress.com/2007/08/08/la-terra-senza-rimorsi/

Un silenzio tra Calvino e Borges.

 

Dunque il silenzio può coincidere con una mente ed un corpo assolutamente presenti, vivi, reali. Un corpo in carne, ossa e… silenzio; la materia grigia di una mente che è lì, a due passi, e nello stesso tempo è lontanissima. Corpo pensante che non ha più bisogno di personificarsi per esserci. Si lascia in pace, lascia in pace, sparisce  per apparire. Una natura umana senza superfetazioni intellettuali.

Un silenzio di Fernando Pessoa.

La morte, o meglio il morire, è una delle qualità del silenzio.

Quando il morire è la percezione struggente e naturale del tempo che infinitamente passa, trasforma, cancella…

Ma la morte, purtroppo, è anche lo scandalo dell’assurdità e della violenza.

E la violenza non è silenzio, ma mutismo innaturale, greve e angosciosa quantità.

 

Pessoa2

 

http://artandmylife.wordpress.com/2008/07/17/poetry-on-the-street/

http://www.insite.com.br/art/pessoa/ficcoes/acampos/456.html

http://en-gb.facebook.com/note.php?note_id=249840396839

 

Un silenzio di Deniky Jiri Orten.

Troppi poeti, troppi libri, troppe parole, troppe anime belline…

Farsi chiudere la bocca da Dio (dalla cosa immensa, necessaria e intelligente che questo nome oscuro-luminoso evoca). Questo è il silenzio che può generare versi essenziali come il pane cantato-spezzato per tutti.

Questo è il silenzio che può motivare una rinuncia alla società delle belle arti, belle lettere, etc.

 

Orten

 

J. Orten

 

http://www.lietocolle.info/it/poeti_foglio_numero_uno_giu_09.html

http://viadellebelledonne.wordpress.com/2007/09/20/la-cosa-chiamata-poesia-jiri-orten/

 

  

Un silenzio di Lino Angiuli

 

Da Un giorno l’altro, Nino Aragno Ed., Torino 2005.

 

Roma 2008 b

Roma, dicembre 2008.

http://www.lietocolle.info/it/roma_7_12_08_presentazione.html

http://www.radio.rai.it/radio3/radio3_suite/view.cfm?Q_EV_ID=295475&Q_PROG_ID=68#  

 

Studio di antiche masserie (Addamiano, 1990)

Addamiano, Studio di antiche masserie, 1990.